Risotto “aux oignons et au citron” (alle cipolle e limone)

Per chiudere il discorso sul risotto alla francese, propongo un’altra ricetta. Scelgo questo “alle cipolle e la limone” proprio per la presenza dell’agrume, storicamente e tradizionalmente incongruo con il risotto ma che l’indifferenza d’oltralpe utilizza indisturbata.

Anche questo è un risotto vegetariano, con brodo vegetale al posto di quello di carne che, tranne in casi particolari, è già giudicato un tradimento. In questo libro le proposte con l’accostamento riso-proteina sono meno ardite.

La traduzione dal francese mi è stata ancora meno difficile del precedente risotto, perchè
l’autrice mostra una sconsolante tendenza a ripetere le stesse formule senza alcun tentativo di cambiamento: mi sembrava un po’ il giochino “cerca l’errore” per trovare l’ingrediente o la formula diversa. D’altro canto, capisco anche che non sia facile scrivere una cinquantina di ricette dello stesso tipo con velleità letterarie, però…

risotto alle cipolle e limone

400 g di riso arborio, 3 cipolle, 3 limoni, 50 g di parmigiano, 100 g di burro, 1 l di brodo di verdure, olio di oliva, sale, pepe

Preparare il brodo di verdure e tenerlo al caldo.

In una casseruola far rinvenire le cipolle tritate con un filo d’olio. Far
rosolare da 8 a 10 minuti. Versare il riso a pioggia. Far cucinare a
fuoco dolce senza smettere di mescolare per 5 minuti fino a che il
riso diventa traslucido. Bagnare con il succo dei 3 limoni. Mettere
sale e pepe. Mescolare e far cuocere a fuoco lento e a pentola
coperta.

Quando il liquido è assorbito, aggiungere progressivamente il brodo.
Mescolare spesso. La cottura del riso durerà circa 20 minuti.
Il riso è pronto quando è tenero.

Spegnere il fuoco, aggiungere il burro e il parmigiano grattugiato. Mescolare bene e lasciar riposare 2 o 3 minuti.


(sulla foto è anche decorato con riccioli di buccia)

Liliane Otal, La cuisine du risotto, éditions sudouest, 2009

About Andrea Perin

Architetto museografo, cultore della cucina per passione
This entry was posted in mangiano di noi and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento