“Tiramisù a la pomme” (Tiramisù alla mela)

 

Il tiramisù
è ormai un piatto internazionale, entrato nelle tavole di
mezzo mondo. Il piatto, secondo Montanari, aveva origine nei bordelli
trevigiani e aveva il chiaro scopo di rinvigorire. Nel nome poi non è
difficile riconoscere una certa vicinanza al lessico della cucina
futurista, alla sua ricerca di neologismi formati dall’unione di
termini.

Dolce estraneo comunque
alla tradizione italiana (l’Artusi non mostra di conoscerlo e anche
in “Le ricette regionali italiane” di Anna Gosetti della Salda –
piccola bibbia – manca), mentre è stato ripreso da altre
cucine e tranquillamente adattato, come questo Tiramisù a la
pomme, tratta da un librettino ancora scorta degli acquisti parigini
(
Éric
Névery,
La
cuisine des pomme
,
Éditions
sud ouest). Non sono esperto di dolci, non so quanto questo tiramisù
si faccia anche in Italia: so che si fa alla fragola e al compleanno
di Beatrice, a Marghera quando ho presentato il libro qualche
settimana fa (buono – se non ricordo male le era stato insegnato da
un’amica francese). Ma sull’altro libro francese di cui ho scritto un
po’ di tempo fa (
On
n’est pas des cakes!
)
c’è una ricetta di
Tiramisù
aux fruits
.

(traduzione)

3
mele granny, 8 biscotti secchi, 200 g di mascarpone, 110 g di
zucchero in polvere, 5 cl di liquore di mela (manzana), 2 uova, 4
cucchiai di cacao in polvere

Preparare
uno sciroppo mescolando in una casseruola 50 g di zucchero e 20 cl di
acqua. Portare a ebollizione lasciar ridurre per dieci minuti.
Aggiungere il liquore di mela e lasciare raffreddare.

Sbucciare
e togliere i semi alle mele. Tagliarle a piccoli dadi e metterle da
parte.

Separare
il rosso dell’uovo dalla chiara. In un’insalatiera sbattere
vigorosamente i rossi d’uovo con 60 g di zucchero. Aggiungere il
mascarpone cucchiaio per cucchiaio e mescolare sino a ottenere una
crema liscia. Montare le chiare a neve e incorporare delicatamente
alla crema appena preparata. La crema deve essere omogenea.

Bagnare
i biscotti con lo sciroppo raffreddato e collocarli al fondo delle
tazze. Cospargere con i dadi di mela. Riempire le tazze a metà
con la crema di mascarpone. Spolverare con la olvere di cacao.
Riempire nuovamente la tazza di crema di mascarpone e terminare con
il cacao. Lasciare riposare al fresco per due ore prima di servire.

 

About Andrea Perin

Architetto museografo, cultore della cucina per passione
This entry was posted in mangiano di noi and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un commento